enel logo

 

ENEL

Via Ombrone 2 
00198 Roma (RM)
Tel.0683051
info@e-distribuzione.com
www.enel.it


 

 

Mobilità elettrica

Da Roma a Milano in auto elettrica con tanto di ricariche veloci e poi lampioni intelligenti che permettono il pieno di elettricità e piccoli ed eleganti borghi del Belpaese dotati di ogni infrastruttura per la mobilità sostenibile. E ancora centrali elettriche diffuse su tutto il territorio nazionale, da Porto Tolle in Veneto fino a Bari, da Trino in Piemonte fino ad Augusta in Sicilia, pronte a “cambiare mestiere” grazie a un grande progetto di economia circolare per riconvertirle a nuovi utilizzi sostenibili. Sono solo alcuni esempi dell’impegno del Gruppo Enel in Italia, primo fornitore di elettricità e uno dei principali operatori nel settore del gas. Energia a tutto campo prodotta con impianti idroelettrici, geotermici, eolici, solari e termoelettrici, ma anche efficienza energetica, domotica, servizi per la mobilità elettrica e soluzioni per l’illuminazione intelligente. L’obiettivo di Enel è dotare il Paese di una rete di punti di ricarica capillare che elimini negli automobilisti la paura di rimanere senza energia e di non avere una colonnina nelle vicinanze. Il Piano sviluppato da Enel X, la business line del Gruppo dedicata ai servizi innovativi e soluzioni digitali prevede l’installazione di 14mila punti di ricarica entro il 2020, per salire fino a 28mila punti di ricarica nel 2022. Un programma in piena corsa: ad oggi sono stati già installati oltre 4500 nuovi punti di ricarica e si procede al ritmo di oltre 150 punti di ricarica a settimana. ENEL recharge station 045 1I punti di ricarica tengono in considerazione le necessità di chi le utilizza. Per questo sono state individuate diverse soluzioni per diverse esigenze: nelle strade extraurbane fast e le high power recharge che permettono la ricarica del veicolo in circa 30 minuti in funzione della potenza e delle caratteristiche dei veicoli. Tra l’altro le autonomie dei veicoli stanno crescendo dai 100-150km di qualche tempo fa a più di 400km. Negli ambienti urbani pubblici invece infrastrutture che permettono tempi di ricarica di poche ore; nelle abitazioni e negli uffici, dove le auto stazionano per periodi di tempo più lunghi, spesso la notte o mentre si lavora, i sistemi di ricarica potranno essere più lenti. Non solo, Enel X ha realizzato una soluzione che integra l’illuminazione pubblica con l’infrastruttura di ricarica: è il “lampione intelligente” a LED che, oltre a garantire alta efficienza e gestione da remoto, consente fino a due vetture contemporaneamente di fare il “pieno” di energia, sia con App che con card. Il JuiceLamp è inoltre predisposto per la videosorveglianza, il monitoraggio della qualità dell’aria e la connettività in fibra o il WiFi urbano.Parallelamente sta portando avanti il progetto pilota europeo EVA+, finanziato dalla Commissione europea e co-ordinato dal Gruppo, che prevede l’installazione di 200 stazioni di ricarica (180 in Italia) lungo i corridoi autostradali che attraversano il nostro Paese e l’Austria. Grazie al progetto EVA+, la collaborazione dell’utility austriaca Verbund e delle principali case automobilistiche produttrici di veicoli elettrici Nissan, Renault, BMW e Volkswagen, sarà installata in Italia la prima rete di ricarica veloce per veicoli elettrici, fornendo una base essenziale per i piani di sviluppo delle mobilità elettrica su larga scala in Italia. Sono già più di 150 le Fast Recharge installate nelle strade italiane a lunga percorrenza che permettono di ricaricare in circa 30 minuti. Valorizzare il territorio, significa portare la mobilità elettrica nei più importanti e affascinanti borghi italiani. Con questo intento è stato firmato il Protocollo d’intesa tra Enel X e l’Associazione Comuni Bandiera Arancione. L’accordo prevede la realizzazione di una rete di ricarica negli oltre 200 comuni, tutti al di sotto dei 15mila abitanti che, oltre a godere di un patrimonio storico, culturale e ambientale di pregio, offrono ai turisti un’accoglienza di qualità. I Comuni aderenti avranno almeno quattro punti di ricarica per i veicoli elettrici, perché l’auto a emissioni zero è il mezzo ideale per scoprire i tesori artistici nei centri storici dei più bei borghi italiani. Per dare ancora più valore alle bellezze storiche del nostro Paese, Enel X ha pensato anche a soluzioni di illuminazione artistica che combinano storia e innovazione. Tra le più importanti sicuramente l’intervento nell’aera archeologica di Pompei: non una semplice installazione di apparecchi a LED fatti su misura per esaltarne il patrimonio archeologico ma un vero e proprio percorso di luci e suoni. E ancora il rifacimento dell’intero impianto di illuminazione delle navate della  Basilica di Santa Maria Maggiore e più recentemente l’intervento a Palazzo Borromeo, l’Ambasciata italiana presso la Santa Sede. Economia circolare e sostenibilità sono al centro del progetto Futur-e, nato con l’ambizioso obiettivo di trovare nuove destinazioni d’uso per 24 siti, 23 centrali termoelettriche e una ex area mineraria di Santa Barbara in Toscana, che hanno ormai concluso il loro ruolo nel sistema energetico. Enel X JuicePoleConsumiamo energia sempre più “verde”, e lo facciamo in maniera più efficiente: il modello che vedeva poche grandi centrali produrre energia che veniva trasportata fino a case e industrie è superato da quello della “generazione distribuita”, in cui è determinante il ruolo di migliaia di impianti da fonti rinnovabili diffusi sul territorio, di cui molti di piccola taglia. In questo processo di transizione energetica le centrali alimentate da fonti convenzionali hanno ridotto la loro produzione, mentre hanno incrementato la fornitura di servizi al sistema perché assicurano costantemente il bilanciamento dell’energia sulla rete elettrica nazionale. In questo contesto, Enel si è posta anche il tema di individuare soluzioni per gli impianti termoelettrici che concludono il loro ciclo produttivo ed escono dal mercato dell’energia. Futur-e è il primo progetto al mondo che intende affrontare un programma di riqualificazione su così larga scala mettendo al centro persone, territori ed economia circolare. Per  accompagnare i siti verso una nuova vita, Enel ha creato un processo di ricerca dei progetti di riqualificazione che parte dal coinvolgimento dei territori e dei suoi rappresentanti istituzionali. La sostenibilità economica è una prima garanzia fondamentale per il territorio che ospita il sito in dismissione: a prendere il posto di una centrale deve essere un progetto in grado di sostenersi nel tempo, altrimenti porterebbe solo uno sviluppo temporaneo. Per questo viene verificata attentamente la solidità finanziaria di ogni progetto, corredato di business plan e di informazioni dettagliate su chi investe, con le relative referenze sul passato sviluppo di progetti simili e su come intenda realizzare e gestire la nuova attività. Il secondo parametro è la sostenibilità ambientale: oggi non è pensabile avviare un business senza tenerne conto, e Futur-e esclude attività che non vadano nella direzione di conservazione e salvaguardia dell’ambiente. Sostenibilità sociale significa che la nuova attività deve essere una risorsa per la comunità locale, creando opportunità di sviluppo e di occupazione, sia diretta che indiretta. Tra cantieri, concorsi di progetto, riconversioni interne e studi del territorio, per oltre la metà dei siti Futur-e il percorso verso la nuova vita è già iniziato. Sono diversi i possibili scenari futuri che Enel insieme ai territori e a sviluppatori e investitori sta individuando per le centrali in dismissioni. Le “fabbirche dell’energia” si avviano così a diventare: grandi villaggi turistici open air, parchi dedicati all’automotive e alla mobilità elettrica, poli logistici hi-tech e sostenibili, aree ricettive e commerciali e poli multifunzionali. Enel Centrale di Augusta 16 66Una centrale elettrica è una somma di diverse parti che possono essere viste in altra funzione. Edifici, mense, capannoni, ma anche la sala macchine che ospitava gli impianti, tutto può essere riutilizzato in modo diverso, salvaguardando anche icone di archeologia industriale. Molti impianti sono sul mare, su coste bellissime, altri vicini a luoghi di interesse artistico e culturale o collocati nei pressi di importanti nodi infrastrutturali: anche questi sono elementi dello sviluppo futuro. L’economia circolare è questo: riutilizzare invece di demolire è il valore derivante dal creare progetti in grado di rigenerare il territorio investendo su un brownfield che viene ripensato invece che su un greenfield, senza consumare nuovo suolo. Futur-e è ormai riconosciuto a livello internazionale come esempio di applicazione di principi di economia circolare, anche da soggetti come il World Economic Forum e il World Business Council for Sustainable Development (WBSCD). La risposta scelta da Enel Produzione per affrontare positivamente il tema della riconversione delle aree industriali fa scuola: il progetto è stato presentato in apertura di un corso di laurea della Scuola di Architettura del New York Institute of Technology dedicato al tema delle riqualificazioni delle aree industriali, e i tesisti sono stati in Italia per un tour delle centrali oggetto dei loro studi.

News 100 Mete

10 Luglio 2019
10 Luglio 2019

gallery

sfoglia

video

100mete1

enel main partner

http://www.rdeditore.it/jl/100-mete-d-italia/2%5E-edizione/ambasciatori/929-bontadi.html

 100eccellenze

 100progetti

 100ambasciatorinazionali

 100mete

© 2019 RDE sas | Piazza Guglielmo Marconi 15, 00144 Roma
P.Iva: 14270891006

Search

Cookie Policy

La presente Cookie Policy è relativa al sito www.riccardodellannaeditore.it (“Sito”) gestito e operato dalla RDE sas, con sede in Piazza G. Marconi, 15 - 00144 - Roma - RM (Italia). P.IVA 12808061001


I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.


La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:

I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:

I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre Open Source Solutions utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Open Source Solutions non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; Open Source Solutions a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di Open Source Solutions si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:

I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.


Cookies essenziali: 

Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:

Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Cookies di condivisone sui Social Network:

Questi cookies facilitano la condivisione dei contenuti del sito attraverso social network quali Facebook e Twitter. Per prendere visione delle rispettive privacy e cookies policies è possibile visitare i siti web dei social networks. Nel caso di Facebook e Twitter, l'utente può visitare https://www.facebook.com/help/cookies e https://twitter.com/privacy.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di Cookie Prima parte Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)
Durata Cookie persistente
   
2) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)
   
3) Tipologia di Cookie Prima parte - Funzionale
Provenienza Open Source Solutions
Finalità Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)



Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.


E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Open Source Solutions.